martedì 21 marzo 2017

Da Mostyn a Teokita

Data : 19 marzo 2017
Ancoraggio : Teokita
Posizione : 52 41.58 S 073 45.75 W
Miglia oggi : 50
Miglia da Pt.Williams : 497
Miglia a Pt. Montt : 1061
Ancoraggi fatti : 17
Ancoraggi ancora previsti : 34
Dopo tre giorni di attesa per il brutto tempo a Mostyn, 4 miglia a sud della famosa baia di Puerto Angosto, dove Giorgio Ardrizzi autore di Patagonia e Terra del Fuego , racconta di aver atteso 9 giorni per una finestra buona, e dove il famoso Slocum con il suo "Spray"ha atteso un mese, a noi ci e'andata grassa con soli tre giorni.
Partiti poco prima dell'alba come al solito, appena usciti dalla baia e immessi nello Stretto di Magellano direzione ovest, il sole ha cominciato a fare capolino tra le cime innevate e a turno illuminare prima un picco poi l'altro, il cielo blu'…insomma una di quelle mattine quando "la natura sale in cattedra".Tutto e tutti si zittiscono per ammirare questa meraviglia, Antonella fa'del suo meglio con GoPro e macchina fotografica per catturare questi attimi, ma sono sicuro che anche se le immagini di buonissima qualita'non potranno rendere completamente l'atmosfera, con I suoi profumi e tutte le variazioni che puo'intercettare il corpo umano.
Proseguiamo senza vento , ma in una giornata gloriosa di sole, piano piano ci spogliamo di cerate e a sedere in pozzetto ci godiamo dopo tanti mesi il tepore del sole sulla pelle.
Incrociamo la famosa Raibow Warrior di Greenpeace…a dir la verita'la numero 3, la prima fu fatta saltare in aria in Nuova Zelanda se non ricordo male fine ottanta.Li chiamiamo e facciamo un po'di citciat con il pilota Cileno al comando, ci dice che la barca…la nave, essendo lunga 58 metri e larga come la nostra lunghezza, e'stata costruita in Germania, guardandola non ne ho il minimo dubbio, sembra un supply vessel di quelli che portano attrezzature sui pozzi petroliferi con l'aggiunta di due alberi di egual lunghezza …forse per darsi un tono ecologico.
Comunque di una bruttezza infinita, penso il designer sia lo stesso che ha ideato I carri armati Leophard della seconda guerra mondiale.
Arriviamo a Paso del Mar, e con all órizzonte il Pacifico viriamo a dritta di quasi 90 gradi , con direzione nord entrand nel Paso Tamar, appena ci dirigiamo verso nord, e'come se qualcuno avesse girato pagina, il cielo si copre di grigo e di nero, e la pioggia e l'umidita'fanno calare la visibilita'a 400 metri, con la pioggia lenta ma persistente cosi'amata dagli agricoltori …ma odiata dai velisti che ci accompagnera'fino all'ancoraggio.
Ancoraggio che e'gia'difficile da identificarne l'entrata, anche con l'iPad alla mano, la prima volta ci sfugge, dobbiamo tornare indietro e trovandolo, ci guardiamo in faccia domandandoci "ma siamo sicuri di voler entare li'?"Ci appare un budello lungo e stretto…e quandodico stretto intendo stretto, stimo che non sia piu'largo di una decina di metri, il fondo si mantiene sugli 8 metri, ma in alcuni punti siamo preoccupati che le sartie si impiglino nei rami degli alberi tanto sono vicini.
Di buono e'che I 15 nodi di vento che erano saliti fuori qua' non si sentono per nulla.Arriviamo in fondo al budello e in una piccola rientranza ci ancoriamo e poi dalla poppa ci leghiamo con I soliti due cavi agli alberi, nel frattempo assaliti da sciami di moscerini che prediligono gli occhi.Avevamo gia'notato un innalzamento della temperatura, la mattina per due giorni di seguito ci siamo trovati ben 14 gradi alle 6 di mattina, questo spiegherebbe anche il proliferare dei moscerini.
Vorrei aggiungere un paio di note, il numero degli ancoraggi e le miglia possono variare leggermente di volta in volta, abbiamo una lista di ancoraggi da fare, ma in base alle condizioni climatiche possono cambiare e cosi'alterare I totali.
Altra cosa, nei post ci sono diversi errori ortografici….ma non e'semplice scrivere su una barca a vela in navigazione con una tastiera con caratteri internazionali e arabi ….quindi sullo stesso tasto ci si ritrova con 3-4 caratteri diversi, in piu'manteniamo il correttore in ingese per le e mail in inglese e questo non aiuta di sicuro, quindi immedesimatevi nei tempi moderni dove con I telefonini si scrivono certi strafalcioni sicuramente peggio dei nostri post.
BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

1 commento:

  1. Lo dicevo che non erano tutti termini marinari!!! ...bentornati, ho sentito la mancanza di aggiornamenti!

    RispondiElimina