sabato 18 novembre 2017

da Moonlight a Puerto Mardon

Data : 17 novembre 2017
Ancoraggio : Puerto Mardon
Posizione : 52 09.2000 S 073 41.8000 W
Miglia oggi : 46
Ancoraggi fatti : 31
Vento forza : 6
Direzione vento : NW
Giorni in navigazione : 62
By Angelo

La finestra e stretta e l'ancoraggio di arrivo ...un po'dubbio, ma decidiamo di andare comunque.
La mattina presto ci da'dell'ovest blando forza 2/3 , per poi passare verso le 11 a forza 5, e quindi a forza 6 da NW.
Alle 6 siamo gia'liberi e in navigazione, per la prima oretta si smotora aiutandosi con il genoa, poi ...il motore e'superfluo, 20/25 nodi da NW e si fila al gran lasco.
Passiamo i vari possibili pit stop in caso aumenti e arriviamo a Caletta Vittoria.
Un portolano ci avvisa dei venti catabatici forti all'interno, l'altro non ne fa'menzione, ma noi crediamo sempre al peggiore...in piu'bassi fondali .
Entriamo e ci accorgiamo subito che le raffiche sono cattive, arriviamo al presunto posto di ancoraggio e bisogna mettere giu'l'ancora in 4 metri di fondo e arretrare...mi sembra un po' pochino come fondo.
Proviamo comunque a fare la manovra , pronti a lanciare il gavitello e calare ancora...ma una raffica violenta ci arriva sul fianco di dritta e ci fa'partire la prua....ferma ..ferma ...non se ne fa'nulla.
Se ci parte la barca in questi fondali ci troviamo spiaggiati in un attimo.
A malincuore decidiamo di uscire e di provare la prossima possibilita', Puerto Mardon, che gia'conosciamo dall' andata.
Altre 10 miglia...ma non e'quello il problema, il problema e'che nel frattempo e'arrivato il forza 6 e all'incrocio dei Canali Sarmiento e Smith fa'da inbuto e rinforza da matti,in piu'il Canale Smith comunica direttamente con il Pacifico .
Vediamo gia'il mare e il vento che ci aspetta a prua...tosto.
Andiamo , solo un fazzoletto di genoa e pedalare, ci arriva addosso violento 35/40 nodi, le onde si ingrandiscono...ma dobbiamo resistere un altro paio di miglia con il vento al traverso per poi poggiare di poppa.
Proprio quando ci manca poco piu'di un miglio alla poggiata , in prossimita'del restringimento del Canale Smith al traverso del promontorio Stanley, vediamo una nave da crociera raggiungente , poco dopo ci chiama via radio e ci chiede se ci puo'passare dal lato di dritta.
Il vento ci arriva da dritta e se volessimo farlo passare da dritta dovremmo andare sottocosta col vento che ci spinge verso terra.
Gli rispondo che non va'bene e che se noi continuiamo ancora un dieci minuti su questo bordo ci puo'passare da sottovento sulla sinistra.
E'daccordo, e cosi'si comincia la manovra...noi con 40 nodi al traverso che vediamo i sorci verdi e lui che va'a sfiorare il fanale del promontorio per passare.
Per fortuna tutto va'per il verso giusto e una volta che ci hanno passati ci richiamano per ringraziarci per la manovra, forse si sono impietositi a vedere sto guscio di noce sballottato dai venti gelidi, mentre loro sorseggiano comodamente il loro caffe con brandy sul ponte di comando.
Noi ormai siamo quasi arrivati a riva finalmente possiamo poggiare col vento in poppa....raffiche a 40 e passa nodi con velocita'della barca di 8 nodi...fate mo'voi la somma .
Meno male che Antonella regge bene al timone, mentre io parlo con la nave e carteggio per la miglior rotta,se si spaventasse in questi frangenti...non so'proprio come ce la caveremmo.
Con un ultimo bordo entriamo dentro la baia Welcome e andiamo a ridosso, ci ancoriamo in 16 metri con 60 di catena nella piccola rientranza dei pescatori, attacandoci al loro cavo di poppa...speriamo che non arrivi "Brutus"a reclamare il cavo.
Anche se le miglia non sono tantissime , farle tutte a vela con vento forte e gelido di poppa stanca parecchio, sommando poi i vari incroci con navi e la precarieta'degli ancoraggi, si ha sempre una gran voglia di arrivare ad ancorarsi, accendere la stufina , mangiare con qualche bicchiere di vino e sdraiarsii in dinette a dormicchiare, mentre si ascolta fuori ululare il vento tra le sartie.
La micro caletta ...abbiamo 3 metri sul lato di dritta e 3 metri sul lato di sinistra prima di toccare gli scogli, ci da'un riparo parziale, da poppa che da'verso ovest ci sono degli alberi non troppo alti che fanno quello che possono per ridossarci, ma dietro gli alberi ci sono dei montagnoni innevati che si prestano magnificamente a farci arrivera addosso raffiche catabatiche mica da poco.
Rinforzo il cavo dei pescatori..non si sa'mai , la stufa al solito e'in affanno per le svampate...ma siamo felici di essere qui',fermi...o quasi , e goderci un po'di riposo e un po'di caldino...anche se puzza'un po'di gasolio.

18 novembre 2017
La notte ha continuato a buffare da NW, verso le 6 ha ruotato e cominciato col SW, la temperatura e'precipitata, questa mattina alle 10:00 in pozzetto avevamo 6 gradi, appena prima aveva grandinato alla grande e al momento pur col cielo con sprazzi di azzurro sta nevicando.
I prossimi giorni...complicati, oggi domani e lunedi'vento da SW...quindi non ci muoviamo, sembra che martedi'ci sia una finestrella...ma e'ancora troppo lontano per fare una reale previsione.
Nel frattempo siamo ancora in caccia di acqua...a Moonlight non ne abbiamo trovata.

BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

Nessun commento:

Posta un commento