domenica 17 settembre 2017

Di nuovo in discesa ..verso la “Fin del Mundo”

By Angelo

Sono passati gia’ 9 mesi dal nostro arrivo in Cile, per quanto uno lo giri , non e’ mai abbastanza, ci si potrebbero passare tranquillamente anni.
Dopo un mese di lavori...anche importanti...leggi ridressaggio e risettaggio pompa di iniezione e iniettori...fortuna che abbiamo trovato un pompista eccellente che e’ venuto prima a smontare la pompa , calibrarla e rimontarla...alla modica spesa di 400 euro !!!
Poi a seguire tutti gli altri lavori , riparare il frigor, nuovi trasparenti nello spray hood..ora messo il policarbonato...una fucilata...ma si vede come attraverso un vetro.
Windex nuovo in testa d’albero,copalatura remi dinghy,riparato wc,sostituito bioadesivo nei “doppi vetri” creati con nylon grosso, spostamento del piccolo desalinatore dal gavone di sinistra a quello di dritta per un miglior accesso,controllato se tutti gli arridatoi girano liberi, costruito supporto per il piccolo autopilota ST 1000 da utilizzare in emergenza sul pilota a vento..ecc......senza fine.
Per noi nomadi si e’ fatta l’ora di ricominciare a muoversi, da domani ricominceremo la discesa verso sud...sperando questa volta in venti piu’ favorevoli e clementi.
A Puerto Montt, a detta dei locali abbiamo affrontato uno degli inverni piu’ duri che si ricordino da 5 anni a questa parte.
A parte il freddo , che per fortuna non e’ sceso quasi mai sotto zero, la pioggia l’ha fatta da padrone, 1500 mm nell’ultimo mese...una cascata perenne.
E’ stato difficile per noi , prima vivere in barca con la barca in secco , e poi riuscire a fare i lavori nelle risicatissime finestre di bel tempo.
C’e’ da dire che piovendo cosi’ tanto, quando viene fuori il sole anche per un paio di ore sembra un paradiso.
Ormai conosciamo e siamo amici di tutti quelli che bazzicano il marina...pochi a dir la verita’, siamo gli unici stranieri in barca al momento nelle tre marine lungo il canale.
In molti si stupiscono del fatto che siamo italiani, normalmente francesi, tedeschi e anglosassoni...ma italiani pochi pochi...praticamente nessuno  a dir la verita’ , dalla piccola  quantita’ di libri in scambio nell’uffico del marina anche anglosassoni davvero pochi.
Puerto Montt da altri navigatori e’ considerato un paese “rough”, ma a noi e’ piaciuto ...ha ancora un sapore genuino...e come al solito la gente gentilissima.
Il problema, che non c’e’ un solo Chandlery che venda materiale per barca, ci siamo dovuti quindi arrangiare con quello che siamo riusciti a trovare ..non molto a dir la verita’.
Anche i 100 mt di cima del 14 mm, li abbiamo dovuti fare arrivare da Santiago 7/800 km piu’ a nord e farli arrivare via bus.
Avremmo dovuto cambiare anche i silent block del motore...a non c’e’ stato verso di trovarli e dall’Europa non spediscono fino qua’, abbiamo provato via America...ma e’ difficile trovare quello che si cerca, alla fine ce li siamo tenuti cosi’...speriamo bene, vedremo di utilizzare al massimo la vela.
Da domani si torna nel silenzio e la pace delle baiette sconquassate dal vento, la “Dama delle cime” riprendera’ la sua attivita’ di portatrice a terra , ricominceremo con la penuria di elettricita’ e le levatacce all’alba, lavandosi la faccia e i denti con l’acqua a 5/6 gradi, per sfruttare al massimo la luce del giorno, lo zig-zag con balene, delfini, leoni marini e quant’altro ci apparira’ dal mare e l’aria fine che proviene diretta dall’Antartide, circondati da scenari bellissimi con montagne piene di neve.
Per chi vuole continuare a seguirci, aggiorneremo il blog quotidianamente via radio SSB (propagazione permettendo), quindi solo testo senza foto che caricheremo alla prima occasione quando avremo un collegamento decente ad internet.
Buon vento a tutti e godetevi  l’avventura dai vostri divani di bordo.

Angelo e Antonella on S/Y Stranizza


Vento in poppa ...si spera


Il bellissimo Canal Tenglo di Puerto Montt

Nessun commento:

Posta un commento