mercoledì 31 gennaio 2018

Un mezzo uragano

30 dicembre
Forza 10/11 all'ancora.
Gia'dalla mattina il bollettino militare delle Falkland chiamava forza 10 con il suggerimento di far rientrare in casa I vari pet (cani e gatti)
Sui grib chiamava forza 10 con un passaggio relativamente veloce a forza 11…e per dirlo I grib che di solito sono conservativi, vuol dire che avrebbe picchiato duro.
Noi a Dumbar ci siamo messi piu'vicino a riva possibile in 3 metri di fondo con 30 metri di catena, e siamo riusciti a portare un cavo da prua ad un vecchio pontile in disuso.
La mattina calma piatta, tante'che siamo andati a farci un lunghissima passeggiata sulle colline, il pomerigio…calma piatta, era previsto l'arrivo del fronte per le 15…ma non si vede nulla.Alle 17:30 via VHF ci chiamano Ugo e Mariepaul I proprietari dell'isola per avvisarci che ci hanno riempito le 4 taniche di gasolio e appoggiate sul pontile.Scendiamo al volo col dinghy e carichiamo le taniche …e gia'al ritorno in dinghy si comincia a sentire un po'di vento da SW…siamo un po'preoccupati di farcela ad arrivare in barca prima che arrivi il ventone.Arriviamo tempo di sistemare le taniche , il tender a poppa che gia'piove a dirotto e il vento comincia ad aumentare.In pochi minuti arriva a 60 e piu'nodi, dopo I 60 decidiamo di non accendere piu'la stazione del vento per paura che si rompa come la volta scorsa.Il vento urla letteralmente nelle sartie , ormai siamo a 70 nodi comodi, tutto intorno il mare si nubulizza , la pioggia arriva orrizontale , e solo andare a prua a controllare il cavo diventa un impresa.Occhialoni , cerata e cinture di sicurezza con autogonfiabile, camminando si ha paura di essere trascinati via dal vento….e'veramente un inferno.Ogni tanto dovro'anche andare a prua a tagliare col segaccio lungo il kelp che si ammassa sulla catena facendo una forza incredibile , col rischio di spedare.
La cima e l'ancora lavorano insieme all'afforco stabilizzando la barca, dopo pochi minuti ammainiamo a fatica la veletta da brandeggio, prima che venga divelta.
Ci siamo preparati bene…ma qualcosa ci e'sfuggito…togliere il camino della stufa ,che per fortuna siamo riusciti a togliere anche sotto venti fortissimi, di fermare gli eolici , ma se la sono cavata bene e ci hanno dato corrente la sera per accendere il webasto.
La pressione e'calata di 30 millibar in poche ore …un mezzo uragano.
Io e Antonella in pozzetto al riparo dello spray hood con cerate e cinture di salvataggio indosso, la nostra unica chance e'che il sistema catena cima tenga, non possiamo neanche accendere il motore …che comunque in queste condizioni non riuscirebbe a fare molto, per via delle numerose chiazze di kelp…di cui una proprio sotto la poppa.Se qualcosa molla …se ci va'bene , infilare l'uscita della baia, se ci va'male direttamente a scogli, il nostro piano e'di legarci con gli ombelicali e buttarci in acqua e stare insieme per cercare di approdare su qualche riva.Antonella anche se preoccupata , tiene botta e' ed e' sempre presente alla pugna, io continuo a pensare a come ottimizzare il tutto per renderlo piu' operativo.
E'veramente una situazione estrema…mai visto una roba cosi'…e spero di non rivederla piu'.
La bussana ha continuato fino a circa le due, quando si e'stabilizzata in forza 8 , che a quel punto sembrava il paradiso, tante'che ci siamo arrischiati di andarcene a letto e dormicchiare fino a mattina.
Abbiamo appena ricevuto un e mail dagli amici di Alibaba ancorati ad un centinaio di miglia da noi , stanno benissimo anche se hanno avuto una nottata infernale, l'ancora ha dragato tutta notte e loro hanno dovuto compensare col motore.Ora tutto calmo …solo forza 7…a "piece of cake".
La preparazione in questo caso e'stata per noi l'arma vincente, avere individuato dai grib questa perturbazione tre giorni prima ci ha permesso di chiedere ai locals informazioni sul posto migliore per ancorare , fondo buon tenitore , vicinanza a riva (si fa'per dire, abbiamo messo 160 metri di cavo) e possibilita'di ancorare un cavo ad una struttura fissa.
Anche questa e'passata, ora soffiano 30 nodi…ma ci sembra come fosse calma piatta, tante'che oggi con la bassa andiamo a raccogliere cozze e patelle…che per fortuna qua'non vengono influenzate dalla marea rossa.

BV Angelo e Antonella on S/Y Straniuzza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

Nessun commento:

Posta un commento