sabato 5 settembre 2015

Da Velas a Angra de Heroismo


05-09-15

 Angra de Heroismo a Terceira

38.39 N 27.13 W

A Sao Jorge ...abbiamo tentato di vedere l’isola affittando una macchina ...ma le perturbazioni di questa stagione si rincorrono gia’ veloci, di fatto non abbiamo visto un tubo per via delle nuvole perenni sull’isola. Mi ha ricordato la padana di anni fa’ quando bisognava tirare fuori la testa dal finestrino per vedere la linea di mezzeria, tutto intervallato da pioggia.Beh ci siamo detti non l’abbiamo vista da terra, ma visto che per andare a Terceira dovremo costeggiarla praticamente tutta la vedremo da mare.Sbagliato, partiti alle 07:00 appena fatto luce per uscire dalla piccolissima uscita del marina, fuori ...nebbia , non si vedeva neanche il profilo dell’isola , AIS perfettamente funzionante con un  gran traffico tra 6 barche a vela, un peschereccio e un traghetto , e scandagliate di tanto in tanto col radar , a tratti un po’ di vento.”Ah... ma appena giriamo l’angolo dell’isola si schiarira’ sicuramente”, il bollettivo chiamava venti deboli da SW....niente di piu’ errato , il SW, mai visto ma ha continuato il SE con onda residua piu’ mare incrociato al limite del mal di mare , come confermato poi dalla barca dei Bretoni dietro di noi e dagli Olandesi davanti da noi .Insomma abbiamo cercato di prendere il vento nelle vele quando era possibile , ma il motore l’ha fatta da padrone.Negli unici 3.5 minuti in cui si ha avuta una apertura siamo stati visitati da un grande branco di delfini, poi una tartaruga...balene neanche l’ombra, poi il finestrello si e’ chiuso e nebbia ancora.Continuiamo nel limbo della invisivilita’, di Terceira neanche l’ombra, cominceremo a vederne i contorni a circa 1.5 miglia dall’arrivo.Sopra l’isola un coperchio nero come la pece ricolmo di tonellate di acqua, entriamo centrifugati nel porto, con gia’ la pioggia che comincia a farsi vedere, dovremmo ormeggiare al pontile di accoglienza ma abbiamo visto che sia Velas che Horta hanno gia’ cominciato l’orario di bassa stagione, vuol dire che alle 17:00 tutti a casa, decidiamo quindi di entrare e cercarci un posticino alla svelta prima che venga giu’ il diluvio universale.Passando davanti agli uffici del marina vediamo uno che apre la finestra e ci urla” pontile A 11”questi tanto sono in contatto con tutte le altre marine delle Azzorre e facendo check in e check out sanno gia’ chi arrivera’ , in piu tengono tracciate le barche via AIS.quindi niente sorprese...noi capiamo A 7 , ma comunque sia procediamo in cerca del pontile A, lo troviamo ma nel A 7 c’e’ gia’ una barca , l’11 e’ libero, ci infiliamo e grazie a un local che ci da’ una mano ormeggiamo con gia’ le tonellate di acqua che cominciano a scivolarci lungo il collo.Finito alla velocita’ della luce l’ormeggio...via dentro ...e spataplah , container e container di acqua si riversano con  violenza e va’ avanti per 2-3 ore.

Riusciamo a farci una doccetta calda in barca , una gran cosa, siamo tutti bagnati e intirizziti, mangiamo una delle favolose zuppe di Antonella e crolliamo.

In mattinata andiamo in ufficio, scusandoci di essere entrati cosi’ , e gli spieghiamo gli orari delle altre isole ,il tipo dice che non c’e’ assolutamente problema .Essendo tutti i marina loro dicono al 50% statali...io credo invece al 100%, hanno tutti gli stessi prezzi, noi paghiamo 12 euro Iva inclusa, WI-FI super potente, bagni  docce e lavanderia che ci si puo’ mangiare dentro dalla pulizia e organizzazione...qui’ hanno addirittura una stanza con la Iacuzzi !!!

L’indomani mattina chiacchiere con i compagni di traversata , i Bretoni e gli Olandesi, facevamo a gara a chi aveva preso piu’acqua , tutti a lamentarsi dei bollettini assolutamente imprevedibili e del mare incroschifoso incontrato.Il posto e’ outstanding, qua’ e’ piu’ monumentale delle altre isole...ma qua’ la storia e’ diversa dalle altre isole delle Azzorre, come in seguito l’attache’ culturale Antonella avra’ modo di spiegare.Ora ce ne stiamo buonini fino alla prossima settimana aspettando venti da nord, nel frattempo ci sono un paio di perturbazioni che ci delizieranno e ci sbatacchieranno un po’.Questa e’ il punto piu’ a Nord che toccheremo, d’ ora in poi sempre verso sud...e solo con venti portanti ...sta bolina e’ pesa.

Nessun commento:

Posta un commento