domenica 31 luglio 2016

Colonia del Sacramento e altro



di Antonella 
... Qualche passo indietro per recuperare le foto da Montevideo a Colonia del Sacramento.
A Montevideo ci siamo fermati solo un paio di giorni, perché non ci piaceva molto il Club e la grande città. Montevideo oltre che capitale dell'Uruguay è anche la città creata  dagli spagnoli in contrapposizione a Colonia del Sacramento fondata invece dai portoghesi alla fine del XVII sec.
Lo Yate club si trova al Puertito del Buceo a Est del porto commerciale. La città vecchia si trova su una specie di penisola ed è la parte più interessante. Siamo andati in autobus dal Porto del Buceo ,  passando da piazza dell' Indipendenza dove si trova uno dei primi grattacieli costruiti negli anni  trenta , la statua di Artigas l'eroe dell'Indipendenza dell'Uruguay e il teatro Solis , e dalla antica porta della cittadella , siamo arrivati al mercato del Porto, bellissima struttura in ferro trasformata in luogo turistico pieno di ristoranti. Invece di mangiare la solita parilla di carne abbiamo visto un ristorante di pesce  che faceva al caso nostro Il Rincon del Pescado ( L'Angolo del pesce)   e ci siamo presi un antipasto e un primo , l'antipasto miniatura,  consiste in alghe o frutti di mare fritti con pastella. La città vecchia è in degrado e stanno cercando di rivalutarla anche in ragione dei turisti che arrivano con le navi da crociera. Al ritorno, per fare due passi siamo passati dalla spiaggia dei Pocitos, una delle più famose di Montevideo. Girando per la città, dove ci sono ancora le case basse di fine Ottocento ci sono tantissimi graffiti e murales cosa comune anche al Brasile. 

Da Montevideo a Colonia,  si parte con un quasi sole e si arriva con la nebbia. 
Tutti ci hanno parlato bene di Colonia e pensiamo di fermarci un po.  
Troviamo Merkava ad accoglierci e siamo ben contenti di ritrovarli. Tutti ci hanno decantato i tramonti di Colonia ma con la nebbia non riusciamo neanche a immaginarli. 
Il giorno del nostro arrivo il molo si è riempito in fretta , è sabato e arrivano  gli argentini da Buenos Aires per il week end. Poi la domenica Mark e Rosie ci invitano al mercato e facciamo provvista di frutta verdura e formaggi dai produttori locali che con loro auto d'epoca perfettamente funzionanti vengono a  vendere al Barrio Historico la  mattina.
Colonia è stata dichiarata Patrimonio dell' Umanità per il suo quartiere storico che risale alla fine del XVII . Fondata dai portoghesi è stata contesa tra Spagna e Portogallo per un centinaio di  anni, per poi passare sotto la corona spagnola e poi teatro dei movimenti indipendentisti guidati  dal Generale Artigas. Nella cartolina ho riunito  un po' le caratteristiche e i monumenti della città.   Gli azuleios ,  mattonelle prodotte in Francia, Olanda e Italia, e importate dal Portogallo. Tutte le strade del Barrio Historico hanno targhe  fatte con  gli Azulejos.   Le case della piazza Mayor , l'antica piazza d'armi , sono portoghesi. Al centro della cartolina il Porton del Campo, l'antico ingresso alla città circondata da mura, il faro costruito sulle rovine di un convento francescano, le auto d'epoca che si trovano a ogni angolo della strada , alcune funzionanti altre lasciate lì per bellezza.
A Colonia ,essendo il porto turistico nel barrio historico dove ci sono i locali è possibile andare la sera a vedere e imparare il tango mangiando anche qualcosa. 
Finalmente dopo qualche giorno è venuto il sole e siamo riusciti anche ad ammirare i famosi tramonti.
Al centro della cartolina ho messo Artigas che esce dal Portone della città come fece per andare a liberare il paese dal governo spagnolo. 
A Colonia sono riuscita a vendere tramite Mechi del negozio di nautica e una persona molto carina della libreria "L'abrazo" le mie cartoline di Colonia !!!    

Da Colonia guardavamo l'orizzonte e i barchini degli argentini , (barche piccole con poco pescaggio per navigare nei bassi fondali del Rio de la Plata) e pensavamo a Buenos Aires e così approfittando del sole e del vento buono siamo partiti e arrivati  nella calma del delta. Buenos Aires è sfilata sotto i nostri occhi dal mare e ci siamo infilati nello stretto canale Lujan. Da qui il clamore della metropoli non si sente, siamo in una tranquilla zona residenziale in mezzo a una sfilza di club nautici. 
Non sembra ma la marea è impressionante,  con le sigiziali la bassa arriva a 1metro e 8 e sembra quasi che la prua tocchi terra, con la alta, l'isolotto al centro del bacino sparisce e spuntano solo gli alberi, l'acqua marrone che più marrone non si può ma le oche si trovano perfettamente a loro agio. 
Potremmo essere in un qualunque altro posto del mondo, ogni tanto ci diciamo  " siamo a Buenos Aires ci pensi ?!!!!! : Ma Buenos Aires centro dista 20 minuti a piedi fino alla stazione e poi quaranta minuti di treno.  Il centro del paese , San Fernando è  distante un quarto d'ora a piedi e le cose da fare tante. Per la grande città, alla prossima puntata.



La rambla davanti al Puertito del Buceo.


Per le strade di Montevideo....






Uno dei grattacieli più antichi, ovvero uno dei primi grattacieli  costruito nei primi anni del secolo XX.


Montevideo, Plaça Indipendencia  con la statua del Generale Artigas, l'eroe dell'Uruguay.


Montevideo. Edifici Neoclassici in piazza Indipendenza

Montevideo. Il Teatro Solis

Montevideo, da piazza Indipendenza si accede alla Ciudadela da questa porta

Montevideo. La città vecchia

Montevideo. La porta dalla città vecchia.




Montevideo, la città vecchia ,il mercato del Puerto sulla sinistra.

Montevideo, All'interno del Mercato del Puerto


Montevideo,  uno dei tenti ristoranti all'interno del mercato del Puerto,
Piatto di "Miniaturas"

Montevideo, Ristorante  Il Rincon del Pescado.

Montevideo, la città vecchia.

Montevideo. Playa dos Pocitos.


Montevideo. La sede del Yate Club ,  edificio degli anni  trenta.


Partenza da Montevideo. In lontananza la silhouette del grattacielo e la città vecchia.



Colonia del Sacramento


Il molo del marina governativo al porto vecchio e l'arrivo degli argentini per il fine settimana.


I tramonti a Colonia sono famosissimi ma con questa nebbia?








Colonia, Barrio Historico










Colonia. Lungo il muro del consolato Argentino, la signora con la giacca Patagonia mi ricorda la nostra meta.

Colonia. sempre sul muro del consolato argentino, la riproduzione di una vecchia carta francese del Rio de la Plata.


Colonia 8-9 Luglio Plaça san Martin , preparativi per la giornata nazionale e bicentenario dell'Argentina.



Bar dedicato a Carlos Gardel, il più famoso cantante di tango aargentino


Colonia, Calle General Flores





Colonia. Davanti alla Cattedrale





Colonia. La balena azzurra , uno dei più grandi cetacei del mondo , 18 metri-  arenata sulla spiaggia di Colonia  nel 1983.








Colonia  Il mercato della domenica












Questo furgone perfettamente funzionante è di un venditore di vini e formaggi.






Serata di tango nel locale Santa helena con Mark e  Rosie di Merkava.



Colonia. Museo dell' Azulejo






Museo del Azulejos e targhe delle strade con gli Azulejos




vista del porto turistico e della vecchia fabbrica


Stranizza all'ormeggio

Caronte momentaneamente prestato a Merkava ormeggiata di fianco a noi.

con Mark e Rosie su Merkava


Invitati su Merkava per il pancake di Mark.
Sulla tavola marmellata di zucca  e Dulce de Leche comprati al mercato, insieme a prodotti canadesi, burro di noccioline e melassa.





Colonia.  Monumento a Artigas 



Plaça Mayor , Casa di Nacarello  ( Portoghese ) e Museo Municipal

Ogni tanto facciamo i turisti. Un cortado in plaça Mayor

Il faro costruito sul convento









Colonia, finalmente il tramonto.

Le mie cartoline nel negozio di Mechi!!!!



tramonto sul Rio de La Plata.... ciao Colonia!



Club Veleros Barlovento, Victoria , Buenos Aires

Arrivo a Barlovento, Il Rio Lujan.

Caronte in acqua così si può accendere la stufa.

Alta marea



Bassa marea




Gli amici di Merkava ci fanno visita!



Nessun commento:

Posta un commento